JoomBall - Cookies

egittoFeaturedB-890x395_c.jpgdownload (1).jpgbridge2.jpgrennes(1).jpgimages (11).jpgimages (4).jpgimages (13).jpg11 (2).jpg12 (2).jpgCibola1-port(1).jpgb47wr4(2).jpgGlastonbury_Tor_First_Light1(1).jpgworld-map-wallpapers-11-3-s-307x512.jpgtemplari_iscrizione(1).jpgfantasma.jpgimages (9).jpg8h(1).jpgSiria_Krak_dei_Cavalieri__642_362_100_imgk_cropped(1).jpgavril_2(1).jpgF1-950x440.jpgstream2.jpgGargoyle-4d43b261e3c01_hires(1).jpgstream1.jpg9(1).jpgmondo3.jpg13427925_10208237154919033_882729720907353205_n.jpgimages (12).jpgbridge1.jpg10a.jpgGRP1.jpg33.jpgprovax6.gif11a.jpgWhaley-house-1024x583.jpg1398443311_avalon-lords(1).jpgimages.jpg25(1).jpglogo pippo(1).jpgdownload(1).jpg15.jpgimages (3).jpg

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
Il Castello della Rotta - Moncalieri (TO)
 
la-rotta1.jpg
 

Forse non tutti sanno che  a Torino, città esoterica per eccellenza, ci sia un luogo con una delle maggiori concentrazioni di spettri del  mondo.

Stiamo parlando del  castello che sorge nella frazione Rotta di Moncalieri che secondo le molte leggende  che si tramandano  nel tempo è stato costruito nel Medioevo in una posizione strategica per favorire il verificarsi di fenomeni paranormali .

Il  maniero, infatti, sorgerebbe  nel esatto punto in cui s’incontrano  due  importanti linee di forza terrestre,  motivo  per cui  qui, da secoli, continuano ad apparire, con una certa puntualità,numerosi  fantasmi .

Le prime notizie  sulla csotruzione del  castello risalgono all’anno  1196, quando l’allora vescovo della città di Torino, Arduino, regalò ì un ampio terreno, all’estrema periferia sud  della città, aiCavalieri Templari che,  nel giro di pochi anni, eressero la propria fortezza.

Ritroviamo poi i castello nelle cronache del  1639, quando qui  si consumò la disfatta del duca Tommaso di Savoia contro i le truppe francesi.

E proprio nel Castello della Rotta (  che  appunto significa disfattta,  da cui l’ origine del nome della zona) Vittorio Amedeo II,  re di Sardegna  II , divenne pazzo  dopo esser stato fatto rinchiudere nelle prigioni dell’edificio dal figlio.

Le leggende che girano intorno al maniero sono centinaia, le testimonianze di apparizioni, più o meno singolari, non si contano ed ancora  oggi sono numerosi gli esperti del mondo del  paranormale che, da ogni dove, giungono a Torino per venire a studiare questo luogo da vicino

L’ appuntamento  di maggior richiamo  è la notte tra  il 12 ed il 13 di giugno:  in questa data, infatti, secondo numerose testimonianze, ogni anno si ripeterebbe una sorta  di processione di spettri che dalle zone limitrofe si  dirigono verso il maniero.

Cit. www.mole24.it

Joomla templates by a4joomla


San Antonio SEO